Si comunica che, a seguito delle restrizioni attuate per far fronte all'emergenza sanitaria in corso, anche l'apertura al pubblico del Servizio Sociale
del Piccolo Cottolengo Don Orione subirà delle modifiche.

Per le il mese di marzo, PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANE DI INGRESSO o PER QUALSIASI INFORMAZIONE RELATIVA ALL'INSERIMENTO DEGLI OSPITI IN STRUTTURA
sarà infatti possibile contattare le Assistenti Sociali SOLO TELEFONICAMENTE o VIA E-MAIL   nei seguenti giorni:

17 MARZO

20 MARZO

24 MARZO

27 MARZO

Il servizio sarà garantito dalle ore 9:00 alle ore 13.00 e dalle ore 14:00 alle ore 17:00

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
02.4294406

 

 

 

 

 

In riferimento alle normative restrittive contenute contenute nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri entrato in vigore l'8 marzo 2020, si comunica che, anche l'evento "Viviancora", Convegno sulla disabilità acquisita in programma per il prossimo 3 aprile è sospeso e rimandato a data da destinarsi.

 

 

 

 


Per disposizioni dell’ Autorità Ministeriale
( DPCM del 4  Marzo 2020 )

A  TUTELA DEI NOSTRI OSPITI

L’ accesso in Istituto  è  VIETATO  a :


PARENTI
VOLONTARI
BADANTI
VISITATORI


ad eccezione di “soli casi” autorizzati dalla Direzione Sanitaria

Milano 5 Marzo 2020


La Direzione
 

 

PER TUTTI GLI ACCESSI IN STRUTTURA (OPERATORI- FAMILIARI- VOLONTARI- BADANTI -  LAVORATORI DI DITTE ESTERNE):
•    Accesso unico dalla reception
•    Lavaggio delle mani con il gel
•    Rilevazione della temperatura corporea
•    Allontanamento in caso di febbre o di sintomi influenzali
•    Dichiarazione del luogo di provenienza o se si è stati nei Comuni in quarantena dal 1 febbraio 2020
•    Utilizzo della mascherina non è utile come prevenzione, potrebbe creare inutili allarmismi.
•    Corsi di formazione sospesi fino  a nuova indicazione.


OSPITI
•    Sospesa la celebrazione della messa.
•    Sospese le uscite in luoghi affollati (ristoranti, bar esterni, centri commerciali, mercato, mostre, spettacoli, cinema e attività sportive).
•    Sospese le feste di nucleo che prevedono molte persone presenti nello stesso luogo e nello stesso momento.
•    Possibile recarsi al bar interno, se non affollato, con l’indicazione di consumare in tempi brevi e andare.
•    Possibile uscire in luoghi aperti (giardino, parco, quartiere evitando di entrare nei negozi).


FAMILIARI
•    Accesso consentito ad un solo parente per ciascun ospite.
•     Non soggiornare per lungo tempo e in più persone in luoghi chiusi.
•    Non creare gruppi di più persone nei nuclei, eventualmente, portare l’ospite a fare una passeggiata in giardino o in corridoio o in giardino senza sostare insieme
ad altra gente.


VOLONTARI
•    Evitare di soggiornare per lungo tempo e in più persone in luoghi chiusi.
•    Non creare gruppi di più persone nei nuclei, eventualmente, portare l’ospite a fare una passeggiata in giardino o in corridoio senza sostare insieme ad altra gente.
La Direzione

 

 

 

 

Si comunica che, a seguito dell'evolversi della situazione a Milano ed in ottemperanza all'ordinanza di Regione Lombardia, su proposta del Sindaco di Milano, ove si dispone "la sospensione dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado", la prossima settimana anche la nostra Scuola dell'Infanzia ed il Nido rimarranno chiusi.

 

 

 Martedì 11 febbraio si è celebrata, come ogni anno, la Giornata Mondiale del Malato, istituita nel 1992 da Papa Giovanni Paolo II.
“Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi e io vi darò ristoro” è la frase del Vangelo di Matteo che ha caratterizzato questo giorno di fede.
Alle ore 10.30 tutta la grande famiglia del Piccolo Cottolengo si è radunata presso la Chiesa Parrocchiale di San Benedetto per celebrare con viva fede questa ricorrenza.
Durante la celebrazione è stata impartita l’Unzione degli Infermi a tutti coloro che ne hanno fatto richiesta.
Questo sacramento dà forza e speranza e fa sentire a nostri malati la vicinanza di Dio, in tutta la sua misericordia.
Gioiosi canti e gesti simbolici hanno accompagnato i momenti più significativi: all’offertorio, con il pane e il vino sono stati portati all’altare dei doni speciali.
Una candela, segno della Luce di Cristo nel mondo, che va sempre alimentata perché la fede ricevuta nel Battesimo sia sempre viva in noi, una teca, che rappresenta l’attenzione verso gli ammalati che l’intera comunità, attraverso i Ministri Straordinari della Comunione dedica a quanti non possono recarsi in chiesa, con la visita nelle loro case rendono presente Cristo che consola, un camice, segno del servizio che con amore e professionalità volontari e operatori prestano per i più sofferenti e dei fiori, che nella loro varietà, raccolti in un unico mazzo vogliono rappresentare tutti noi, nelle nostre diversità ma raccolti in una sola famiglia.
Proprio come quei bellissimi fiori, la famiglia del Piccolo Cottolengo si è dimostrata ancora una volta unita, dimostrando che se ci amiamo gli uni gli altri, aprendo il nostro cuore allo Spirito Santo, si supera ogni tipo di sofferenza!

 

 

 


 

 

 

Top

Sito realizzato da AM TEK SRL